mercoledì, settembre 28, 2005

Vi racconto la vera storia di Prodi -si mette le dita nel naso

Il Giornale - Vi racconto la vera storia di Prodi - n. 230 del 28-09-2005

Ora, se spari in prima pagina (credo, l'ho presa dal sito) un titolo del genere ti aspetti sesso contronatura, sacrifici di vergini, furto con scasso, abigeato o soccida (no, quella non è reato)

Io, considerando che parliamo di una persona ai vertici da 40 anni, non ho trovato praticamente niente di rilevante (è antipatico? loffava in consiglio di facoltà?)

immortale (vabbè, brillante) invece Filippo Facci

1 commento:

Andrea ha detto...

In pratica, tutto l'articolo gira sul fatto che a Matteucci, Prodi sta' sulle palle. Ma a noi, che gli sta antipatico, checcefrega? Che forse Prodi è un amico nostro? I politici vanno forse valutati sulla base della simpatia? (es.Fassino - non certo un brillantone - personalmente mi da molto più affidamento del Brillante Silvio).
Piuttosto, per spostare la critica politica sul piano dei risultati, e' interessante andare a consultare la recente classifica pubblicata dall'OECD sulla performance dei 31 Paesi aderenti.
Indovina l'Italia in che posizione si trova? (vedi "OECD Frequently Requested Statistics", oppure una sintesi su "Italians" di ieri). Insomma, la prossima volta che potrò confrontarmi con mio suocero, grande lettore di Libero e il Giornale, avrò modo di replicare con un po' di numeri.